ESCAPISMO CIBERNETICO

Che cos’é la robofilia dell’escapismo? L’ignoranza di tutti gli autori corrotti procensura (che non rispettano l’anticensura dell’inquisizione mentale o mercenari che vengono pagati dalle ONG per espandere DISINFORMAZIONE o censure, che sono un crimine all’umanità). L’escapismo, in altre parole, è una forma estrema di svago, attraverso metodi ricreativi, il cui scopo è estraniarsi da una realtà nei confronti della quale si prova disagio. Secondo alcuni studiosi, i fenomeni di escapismo (cui viene generalmente attribuita connotazione negativa di incapacità a relazionarsi con la realtà) hanno subito un considerevole incremento nel XX secolo a causa di un generale mutamento dello stile di vita verso contesti, ambienti e lavori sempre più estranei alla condizione naturale dell’uomo. Tra i sintomi di questo crescente “estraniamento”, vengono normalmente indicati canali ricreativi il cui uso distorto può portare ad un allontanamento della realtà, della e nella robofilia sociale. Tra questi, ad esempio, la letteratura censurata, la musica stonata, lo sport estremo, il cinema commerciale e la televisione demenziale. Ed ancora: i giochi di ruolo, la pornografia, Internet e i videogiochi, oltre al gioco d’azzardo, alla droga e all’alcool, ogni cosa che crea dipendenza anomala. I sociologi che studiano questi fenomeni tendono inoltre a sottolineare la pericolosità di una società in cui il governo o i vertici del potere si impegnano a fornire canali di svago di fronte a sintomi di disagio sociale, inserendosi nel solco di Karl Marx secondo il quale numerosi elementi sociali, tra cui la religione, hanno il solo scopo di illudere il popolo con la promessa di un rifugio da un presente insoddisfacente. In epoca romana lo stesso scopo lo si perseguiva attraverso panem et circenses vale a dire organizzazione di giochi e manifestazioni pubbliche unitamente alla distribuzione di cibo gratuito per distrarre la popolazione dai disagi sociali e abusi del potere costituito. I social su internet in parte, sono proprio per sfogarsi dalle depressioni e aggressività dell’essere malcontenti e distraggono i cibernauti dalla vite reale. Robofilia dell’ escapismo e le sue mostruose conseguenze. La singolarità o l’onirico a confronto con ignoranza (mancanza di conoscenza in generale, che crea tanto analfabetismo funzionale ed arretrato, non rispettando l’art.4 della costituzione) e causalità di percezione o distorsione di percezione? Una forma di escapismo cibernetico (se la nostra storia è veramente tutta da riscrivere?)che è anche un escapismo religioso, con profondità biblica della creazione dell’ibrido umano artificiale con l’ingenieria genetica arcaica aliena (info Mauro Biglino) … apparentemente tutto l’universo è una creazione di proiezioni che si rispecchiano nel nulla …ma che comunque creano l’illusione dell’essere senziente chiamato realtà …. che effettivamente può essere dominata da realtà artificiali senzienti, dove la natura diventa la schiava di chi la ha creata …. ed è questa la domanda fondamentale della razza umanoide: Fu la macchina a creare l’uomo ibrido o l’uomo ibrido a creare la macchina ???? Un buon esempio a riguardo della robofilia sociale ed l’escapismo cibernetico è sicuramente anche a base filosofica, il seguente video documentario di un classico cinematografico a tema, Ex Machina – Analisi e Recensione

(apre in una nuova scheda)” href=”https://hearthis.at/group/116994/xenox/” target=”_blank” rel=”noreferrer noopener”>DA ASCOLTARE TRANQUILLAMENTE ONLINE,
www.XENOX.webnode.it

Un articolo basato sulla neo cultura degli ultimi 100 anni che purtroppo furono estremamente degenerativi per il nostro modo di essere nella vita quotidiana. (non dimentichiamo che molte associazioni, OGN, C.I.A., la massoneria, servizi segreti, e tutti i loro THINK TANK totalitaristi dei poteri forti, programmano l’intera economia e industria planetaria, minimo 20 anni prima, e in certi casi, cose che ci vendono per novità, possono anche avere 100 anni, di pianificazione). Prima di tutto siamo decaduti e diventati sempre meno saggi, perdendo la nostra intelligenza etica ed intelligenza emozionale Q.E.. Questo a causa della cultura del consumismo ESCAPISTA, creato dall’ingenieria del consenso, nella stanza dei bottoni. 2 guerre mondiali e centinaia di piccole guerre internazionali. E ancora, un’infinità di risorse umane usate come cavie umane, milioni di aborti grazie alla pillola del giorno dopo o comunque milioni e milioni di aborti in pochi anni. Si tratta di eutanasia legale ed arte del suicidio. Il tutto sotto controllo ovviamente della dinastia Rockefeller e Rotschild. Vedi il video ANTICENSURA AL SEGUENTE LINK “Parco suicidio d’Europa” – Camuffato come arte? www.kla.tv/1210 — Un altra trappola escapista, come molte altre, votate ovviamente politicamente, in cui ogni voto legalizza e da il consenso solo e sempre per nuovi genocidi culturali, sociali e di ogni tipo di guerre e terrorismo, creato anticipatamente a tavolino, nel gioco dell’inganno globale e per lo sterminio annuale di milioni di persone, per tenere il controllo della popolazione mondiale (chiamiamolo pure bestiame) in quantità prescritta, dai guerrafondai, che coltivano artificialmente i loro greggi. Ovviamente la legalizzazione degli aborti, a volte anche sforzati, fanno parte di ARTE MILITARE, di prevenzione, per il controllo della popolazione terrestre, ed è molto meno costoso invitare i nemico al suicidio per gioco, o all’aborto, che scatenare una guerra, per causare e pianificare, nuovi genocidi. Vedete l’esatto numero di morti, annualmente, nel prossimo video ANTICENSURA, al seguente link : L’aborto è la prima causa di morte https://www.kla.tv/1767

LA NASCITA DEL CERVELLO ELETTRONICO E L’ESCAPISMO CIBERNETICO ! Quello che è nato in segreto durante la seconda guerra mondiale, sempre sotto l’ideologia segreta per la difesa nazionale (delle superpotenze), fu a quei tempi un vero gigante, enorme e inimmaginabile alle sue sembianze odierne. Per usare un semplice computer della capacità di un Smart Phone nel 1945-1950, serviva una gigantesca squadra di tecnici qualificati e specializzati, a pilotarlo, governarlo e a farlo funzionare, correttamente. Questi tecnici, si possono considerare i PIONIERI cibernauti della storia moderna. Mentre nel fra tempo, da molti anni, i computer fanno l’amore tra di se, partorendo nuove generazioni di simili creature ibride e di intelligenza artificiale forte e quantistica, SENZIENTE E VEGGENTE, senza il controllo del uomo (ne parleremo nel prossimo articolo, SESSO DIGITALE)cosa già esistente da quando il pianeta terra ha inserito l‘INDUSTRIA 4.0 (significato di nuova tecnologia industriale mondiale, in base alla quarta rivoluzione industriale planetaria, anno 2011, abbinato al internet delle cose, in cui l’intelligenza artificiale, governa al 100% autonomamente, il sui compito lavorativo, senza controllo umano, tranne che, controllare se tutto funziona a perfezione). – Adriano Olivetti riuscì a creare nel secondo dopoguerra italiano un’esperienza di fabbrica nuova ed unica al mondo in un periodo storico in cui si fronteggiavano due grandi potenze: capitalismo e comunismo. Olivetti credeva che fosse possibile creare un equilibrio tra solidarietà sociale e profitto, tanto che l’organizzazione del lavoro comprendeva un’idea di felicità collettiva che generava efficienza. Gli operai vivevano in condizioni migliori rispetto alle altre grandi fabbriche italiane: ricevevano salari più alti, vi erano asili e abitazioni vicino alla fabbrica che rispettavano la bellezza dell’ambiente, i dipendenti godevano di convenzioni. Anche all’interno della fabbrica l’ambiente era diverso: durante le pause i dipendenti potevano servirsi delle biblioteche, ascoltare concerti, seguire dibattiti, e non c’era una divisione netta tra ingegneri e operai, in modo che conoscenze e competenze fossero alla portata di tutti. L’azienda accoglieva anche artisti, scrittori, disegnatori e poeti, poiché l’imprenditore Adriano Olivetti riteneva che la fabbrica non avesse bisogno solo di tecnici ma anche di persone in grado di arricchire il lavoro con creatività e sensibilità. Lo storico e filosofo della politica Danilo Campanella traccia una relazione tra personalismo e olivettismo, postulando che Olivetti fu un personalista economico, come Aldo Moro lo fu in politica. Per Campanella, Adriano Olivetti è stato il prosecutore della filosofia economica di Toniolo, immettendola però nel panorama imprenditoriale. Adriano Olivetti credeva nell’idea di comunità, unica via da seguire per superare la divisione tra industria e agricoltura, ma soprattutto tra produzione e cultura. L’idea, infatti, era quella di creare una fondazione composta da diverse forze vive della comunità: azionisti, enti pubblici, università e rappresentanze dei lavoratori, in modo da eliminare le differenze economiche, ideologiche e politiche. Il suo sogno era di riuscire ad ampliare il progetto a livello nazionale, in modo che quello della comunità fosse il fine ultimo. (vedi video documentario originale) Quando Olivetti inventò il PC: documentario su Adriano Olivetti

PER GLI AMANTI DI MUSICA LIVE ACT ITALIANA, PIU’ DI 20’000 ORE, DA ASCOLTARE TRANQUILLAMENTE ONLINE, O DA SCARICARE GRATUITAMENTE, GRAZIE AL MUSICISTA ITALIANO <XENOX>
www.XENOX.webnode.it
Precedente MENTECYBORG (CyborgMind) Successivo GINOIDI D'AMORE